Ca’ Rezzonico, Museo del Settecento Veneziano | 14 luglio – 25 settembre 2023

Mostra a cura di:
Fondazione Lino Tagliapietra e Fondazione Musei Civici di Venezia

 Probabilmente non ci sono due parole più rispettate ed onorate
nella storia della moderna scultura in vetro di “Lino Tagliapietra”;
egli costituisce il ponte vivente, la congiunzione cruciale
tra l’augusta storia del vetro Veneziano e le continue meraviglie
di quello che oggi noi chiamiamo
il moderno movimento dello Studio Glass

— James Yood, The Hands of the Maestro

Curata dalla Fondazione Lino Tagliapietra assieme alla Fondazione Musei Civici di Venezia, Lino Tagliapietra. L’origine del viaggio intende rendere omaggio a un artista viaggiatore, sperimentatore, alla costante ricerca di stimoli da trasferire nelle sue opere, tra ricerca appassionata, perfezionamento tecnico e sublimazione della bellezza del vetro.
Nato a Venezia nel 1934, Tagliapietra lavora con il vetro sin da quando divenne un apprendista già all’età di undici anni. Sin da giovane si è distinto come un talento unico a Murano, guadagnandosi il titolo di maestro, padroneggiando l’arte del vetro soffiato, a soli ventun anni. Il suo prolifico talento nell’isola del vetro nella laguna veneziana, assieme ad una curiosità incessante, lo porta presto a viaggiare molto, tanto che nel 1979 compie un viaggio in America e visita per la prima volta Seattle. Fu qui che introdusse gli studenti della Pilchuck School alle tradizioni della soffiatura del vetro veneziano, cementando così il suo nome nella storia della tradizione americana della soffiatura del vetro. Attraverso i suoi insegnamenti, Tagliapietra ha cambiato irrevocabilmente l’uso del vetro in America, stabilendo un nuovo futuro per questo mezzo, infuso con la conoscenza e l’abilità della tradizione italiana interpretata attraverso una nuova vibrante energia. Oggi questo viaggio fatto di creatività, colore e abilità realizzativa trova una nuova sede temporanea nelle rinnovate sale del Museo Ca’ Rezzonico di Venezia.

“Lino Tagliapietra è la rappresentazione vivente dell’anima veneziana e della eccellente maestria della lavorazione del vetro soffiato di Murano – commenta il Sindaco Luigi Brugnaro. Omaggiarlo con questa mostra non è solo onorare un grande maestro vetraio ma è riconoscere a lui di essere una delle figure principali nella collaborazione interculturale tra l’Italia e l’America. Una mostra con la quale vogliamo collocarlo come una figura internazionale unica e tra le più influenti per quanto riguarda la sua arte. Grazie quindi ai Musei Civici e a tutti coloro che stanno lavorando per allestire questa mostra: Venezia attraverso Tagliapietra celebra sé stessa e ribadisce il suo impegno nella promozione e tutela di un prodotto d’eccellenza”.

Allestite lungo un percorso progettato dall’architetto Chiara Lamonarca tra il primo e il secondo piano del palazzo, le 21 opere in mostra offrono uno spaccato della vasta produzione del Maestro realizzata negli ultimi trent’anni in aperto dialogo con i capolavori settecenteschi che le circondano. Accanto a lavori iconici come Dinosaur dal collo longilineo, FujiAsolaNiomeaOcaAfricaHopi raccontano di tecniche tradizionali muranesi come il vetro soffiato con canne, la filigrana, le murrine, l’incalmo, la doppia soffiatura o ancora processi tipici della seconda lavorazione quali la battitura e la molatura. Opere scultoree che hanno portato Lino Tagliapietra ad affermarsi come artista indipendente, antesignano di nuove stagioni e generazioni di artisti del vetro.

“Con questa esposizione, anticipa la Presidente MUVE Mariacristina Gribaudi, si vuole rendere omaggio a un artista viaggiatore, sperimentatore, curioso delle cose del mondo, ma che è sempre rimasto fortemente attaccato alle proprie origini. La capacità di Lino Tagliapietra è sempre stata quella di mettere insieme mondi e culture diverse sintetizzandole nella creazione delle sue opere”.

In mostra anche un’accurata selezione di pannelli realizzati tra il 1999 e il 2012 in vetro fuso realizzati sovrapponendo tecniche e colori diversi. Le suggestioni di partenza — dichiarate già nei titoli Finestra sul campielloPonticelloRio Grande – non solo rappresentano porte di accesso a luoghi cari al maestro ma raccontano anche delle grandi passioni, come la pittura di Rothko.
In questo caso opere pittoriche più che scultoree, in contrasto con la pratica di un artista che non ha quasi mai realizzato dei disegni preparatori.
Realizzati in graniglia di vetro con inserti di vetro solido o per mezzo dell’uso di canne e murrine a zanfirico, i pannelli sono senza dubbio tra i lavori più sperimentali ed impegnativi di Lino Tagliapietra, quelli in cui emerge l’inarrestabile, estrosa, sperimentale pulsione creativa.
Chiude l’esposizione al secondo piano il pannello Giuditta. Come una pala in vetro installata tra due pale d’altare, l’opera si distingue per i colori accesi e il profilo stilizzato che ne connota il soggetto. Una preghiera e un ringraziamento per una vita passata nel colore e nell’arte del vetro.

“Dopo la retrospettiva del 2012, e dopo la mostra a Murano negli spazi di In Galleria Art Gallery del 2019, questa sarà la prima mostra istituzionale nella mia città dopo tanto tempo – dichiara Lino Tagliapietra — e ritengo che Ca’ Rezzonico sia la collocazione migliore.
La grandiosità delle decorazioni del palazzo mi ha ispirato una selezione di opere apparentemente inusuale: grandi pannelli che ricordano dei dipinti e altre opere realizzate tutte con tecniche tipicamente veneziane, ma di ispirazione internazionale, a ridosso tra tradizione e arte moderna. Spero vivamente che questa mia mostra incontri il favore dei visitatori mostrando loro ancora una volta la meravigliosa versatilità del materiale che mi ha accompagnato per tutta la vita, il vetro.”

“Con oltre settant’anni di esperienza, all’età di ottantotto anni Tagliapietra continua le sue sperimentazioni incessantemente innovative. Nelle sue più recenti realizzazioni lo scultore rielabora l’antica tecnica del vetro colorato con lo stile distintivo dell’artista, inserendo delicatamente la filigrana soffiata a mano all’interno della tradizionale rete di una struttura in piombo. Atto creativo radicale, i pannelli, quest’ultima avventura nel mondo del vetro colorato conferma di come Tagliapietra abbia continuato nel corso della sua carriera a reinventare e ringiovanire la storia del vetro, avvicinandosi a tecniche secolari con un’energia rivitalizzante che non smette mai di creare nuove prospettive e iniziare nuove conversazioni che continuano a tracciare un percorso verso il suo futuro”, sottolinea la Dirigente Chiara Squarcina.

Maggiori informazioni:

https://carezzonico.visitmuve.it/it/mostre/mostre-in-corso/lino-tagliapietra-lorigine-del-viaggio/2023/06/19508/lino-tagliapietra/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: